Storia dell'Autoritratto e del Selfie

Cosimo Rosselli

Cosimo di Lorenzo Rosselli | Cosimo Rosselli · Il miracolo del calice con autoritratto · 1481-86 | Cappella del miracolo del Sacramento · Chiesa di Sant’Ambrogio · Firenze

Cosimo di Lorenzo Rosselli | Cosimo Rosselli · Il miracolo del calice  con autoritratto · 1481-86
Cappella del miracolo del Sacramento · Chiesa di Sant’Ambrogio · Firenze

Fu con gli altri pittori chiamato a far l’opera che fece fare Sisto IIII Pontefice nella cappella Sistina. E cosí in compagnia di Sandro Botticello, di Domenico Ghirlandaio, dell’Abbate di San Clemente, di Luca da Cortona e di Pietro Perugino, vi dipinse di sua mano tre storie, nelle quali fece la sommersione di Faraone nel Mar Rosso e la predica di Cristo a’ popoli lungo il mar di Tiberia e la Cena de gli Apostoli con Cristo, et in quella fece una tavola in otto facce tirate in buona prospettiva, e sopra quella il palco in otto facce con spartimento che gira in otto angoli, dove molto bene scortando, mostrò quanto gli altri sapere dell’arte. Dicesi che il papa aveva ordinato un premio, oltra il pagamento, a chi meglio avesse lavorato, e questo s’aveva a dare a chi con lode e merito al giudicio del pontefice fosse paruto. Laonde finite le storie, venne Sua Santità a veder l’opera, e già ciascuno de’ maestri aveva procurato far sí, che ‘l premio e l’onore fosse suo. Per il che sentendosi Cosimo piú debile d’invenzione e di disegno, cercò occultare il suo difetto. Onde e’ coperse tutta questa opera di finissimi azzurri oltramarini e di vivaci colori, e con molto oro illuminò la storia: né albero, né erba, né panno, né nuvolo rimase, che lumeggiato non fosse, credendosi che ‘l papa, come di quella arte poco intendente, gli dovesse donare la vittoria. Venne il giorno ch’ogni maestro doveva la sua opera scoprire, perché egli ancora mostrò la sua, de la quale fu da que’ maestri assai riso e schernito, sí come quegli che la sua debolezza piú tosto ucellavano che ne avessero compassione. Il papa andò a vedere l’opera della cappella finita, e giunto in quella, l’azzurro, l’oro e gli altri be’ colori di Cosimo in un tratto gli abbagliarono gli occhi, perché questa assai piú di tutte l’altre gli piacque, come a persona che aveva poco giudicio in tal professione. Onde giudicò Cosimo molto meglio aver sodisfatto e lavorato, che gli altri piú eccellenti di lui non avevano fatto. E cosí fece dare a Cosimo il premio ordinato, come a piú valente e migliore artefice de gli altri. E comandò a coloro che acconciassero d’oro le loro istorie e le coprissero di migliori azzurri, acciò che elle fussero simili a quelle di Cosimo nel colorito e nella ricchezza. Laonde i poveri pittori mal contenti anzi pure disperati, per satisfare alla poca intelligenzia del Padre Santo, si diedero a guastare tutto quel buono che avevano fatto. Onde Cosimo si rise di coloro che poco innanzi si erano riso del fatto suo. Dopo la morte poi, in memoria dello scorno fatto a’ suoi concorrenti nella cappella, gli fu fatto questo epitaffio:

PINSI, E PINGENDO FEI
CONOSCER QUANTO IL BEL COLORE INGANNA;
ET A’ COMPAGNI MIEI,
COME TAL BIASMA ALTRUI, CHE SÉ CONDANNA.

Giorgio Vasari · Le vite de’ più eccellenti pittori, scultori e  architetti italiani

.
post-shadow_thumb[2]

This site is protected by wp-copyrightpro.com

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: