Storia dell'Autoritratto e del Selfie

Filippino Lippi

FILIPPINO-LIPPI-AUTORITRATTO-1477-85

Filippino Lippi · Autoritratto · Affresco staccato · 1477-85 · Uffizi · Firenze

I Lippi, padre e figlio, lavorarono assieme creando non pochi problemi di attribuzione agli storici dell’arte. C’è infatti un gruppo di bellissimi dipinti fiorentini, databili tra il settimo e l’ottavo decennio del Quattrocento, che non è chiaro se sia opera (e in che misura) di Filippo Lippi, di Botticelli, di Ghirlandaio o Filippino Lippi. La questione è complicata dal fatto che oltre a una collaborazione tra il padre Filippo e il figlio Filippino, quest’ultimo lavorò con Sandro Botticelli, che era stato allievo di Filippo, fino al 1466. Bernard Berenson, in polemica con Giovan Battista Cavalcaselle, rifiutò sempre di riconoscere il rapporto stretto tra le opere di Filippo e quelle del figlio, che egli non amava e vedeva solo come un pittore manierista e barocco. Per sbrogliare questo pasticcio, e dare un’attribuzione certa a opere di mano non chiara, Berenson arrivò addirittura, nel 1899, a inventarsi un quinto pittore e lo chiamò Amico di Sandro. Una di quelle numerose figure, senza un vero nome e cognome, che vengono create dagli storici dell’arte per dare una paternità o accumunare opere della stessa ignota mano. […] Ma, nel 1938, Berenson si dovette arrendere e riconoscere che quella dell’Amico di Sandro era stata una useful hypothesis per distinguere il Filippino giovane, e amico di Sandro Botticelli, dal Filippino maturo. Francesco M. Cataluccio · La memoria degli Uffizi


Filippino Lippi e Sandro Botticelli

Il Tondo Corsini: l’opera insolita di Filippino Lippi

.
post-shadow_thumb[2]

This site is protected by wp-copyrightpro.com

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: