Storia dell'Autoritratto e del Selfie

Gian Paolo Lomazzo |2

Gian Paolo Lomazzo · Autoritratto come Abate dell’Accademiglia · 1568 · Pinacoteca di Brera · Milano

Gian Paolo Lomazzo · Autoritratto come Abate dell’Accademiglia · 1568 · Pinacoteca di Brera · Milano

Del sor scricc Baciòcch, barzelletta sul maritarsi
Ognun cor a maridas | Per podi fá quel lavor | Che fa i Pover e i Signor | Senza spes, nomà drovas | Ognun cor a maridas | Nol comanda la scriciura | C’al se faghi ol matrimogn | Sol per fà che la natura | Vaghi inanz al so besogn? | E de quest ognun el procura | Com fa i medes ol solass | Ognun cor a maridas. | Quant a mi se fos a tûlla | Voriv tûn de sett o ott | Se doviss ben la briolla | Impegnà sul bell prim bott | Ma i’ ò assé de la Tognûla | Per no fà ca i’ me brusas | Ognun cor a maridas. | Ognun cor a maridas | C’al fa freg adess adess | er podis pû ben brazas | E d’ognora stas apress | Sot e sora e fá fracass | Quest dol mond è ‘1 mior spass | Ognun cor a maridas. | Fina i gril e i moschin | E ’l pessam e i formigon | E le taquel e i ravarin | E le sgnepp e i seguron | Van tug quant a sto bon fin | Da podis accompagnas | Ognun cor a maridas. | Quant c’a sì su la matina | Che ‘v vesti di man in man | A ve fè sà ona cierina | Da comúf on barbacan | E h fan ona pizighina | E pû ‘s meten a brazas | Ognun cor a maridas. | Guardé on pó che contentezza | A on marit e ona moir | Quant a i s’ama e c’a i se prezza | Lu e l’olter con dovír | Oimè di che gran dolcezza | Ogni intrigh ai tûl in spass | Ognun cor a maridas. | Se per sort in quai facend | Al gha lûgh on po ‘d consei | Ognun de lor se ghe destend | Co’ l’inzegn per fà el so mei | E tui do a i va crescend | Che on sol è com on sass | Ognun cor a maridas. | Ma l’è mo forza a di questa | De sti omen da Milan | Ch’ a i comporta ona fantesca | Che no ghà asquas dol pan | E’s vûl vest sora vesta | Fin a fà i pantofei dass | Sol per quel fa mal maridas.

Giovan Paolo Lomazzo · Da Rabisch

Del soprascritto Baciocch, barzelletta sul maritarsi

Ognuno corre a maritarsi, per poter fare quel lavoro che fanno i poveri e i signori senza spese, basta adoperarsi. Ognuno corre a maritarsi. Non comanda la scrittura che si faccia il matrimonio solo per fare che la natura vada innanzi nel suo bisogno? E ognuno procura di fare questo come i medici fanno il salasso. Ognuno corre a maritarsi. Quanto a me, se fossi per prender moglie, vorrei prenderne sette od otto, dovessi anche impegnare il pirla già alle prime. Ma mi basta la Togna per non rischiare di bruciarmi. Ognuno corre a maritarsi. Ognuno corre a maritarsi perché presto fa freddo, per potere poi abbracciarsi bene e starsene sempre vicini, di sotto e di sopra, e far mattane: questo è il miglior spasso del mondo. Ognuno corre a maritarsi. Persino i grilli e i moscerini, i pesci e i formiconi, e le cornacchie e i cardellini e le beccacce e i verderelli, tutti mirano a questo buon fine, di potersi maritare. Ognuno corre a maritarsi. Quando siete sul mattino, che vi andate pian piano vestendo, vi fate un viso dolce da commuovere un barbacane. E lì si prendono per il ganascino e poi cominciano ad abbracciarsi. Ognuno corre a maritarsi. Guardate un po’ che contentezza per un marito e una moglie quando si amano e si apprezzano l’un l’altro come si deve. Oh con che dolcezza si prende in allegria ogni difficoltà! Ognuno corre a maritarsi. Se per caso in qualche faccenda occorre un po’ consigliarsi, ognuno di loro si dilunga con ingegno per fare il suo meglio; e tutti e due insieme crescono via via, mentre uno da solo è come un sasso. Ognuno corre a maritarsi. Ma è forza dire una cosa, di questi uomini di Milano, che sopportano una fantesca che quasi non ha pane e vuole vesti sopra vesti, fino a farsi battere da lei con le pantofole. Sol per questo fa male il maritarsi.


Quei facchini del grottesco contro le leggi del Rinascimento

.
post-shadow

This site is protected by wp-copyrightpro.com

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: