Storia dell'Autoritratto e del Selfie

Gian Paolo Lomazzo

Gian Paolo Lomazzo · Autoritratto · 1557-59 · Kunsthistorisches Museum · Wien

Gian Paolo Lomazzo · Autoritratto · 1557-59 · Kunsthistorisches Museum · Wien

La storia dell’arte inizia nel 1550 con la prima edizione delle Vite di Vasari, un fatto cha ha allo stesso tempo valore di sintomo e di premonizione: non si può fare storia dell’arte se non quando quest’ultima è in declino. L’arte, da Cimabue a Michelangelo, ha una storia: il farla (o rifarla) è il segno della sua fine. Allo sguardo storico subentra, una trentina d’anni più tardi, lo sguardo teorico. Il teorico più importante della fine dell’arte è il milanese Gian Paolo Lomazzo. I suoi scritti sono anche il sintomo di una crisi dell’arte, crisi che in questo caso si manifesta sul piano della tentazione teorica, sistematizzazione e totalizzazione. Lo scopo di Lomazzo è offrire ai pittori un grande apparato immaginifico in grado di combinare le soluzioni artistiche più valide in vista della creazione dell’opera d’arte perfetta. Victor I. Stoichita · L’invenzione del quadro

.
post-shadow

This site is protected by wp-copyrightpro.com

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: