Storia dell'Autoritratto e del Selfie

Katrjin van Hemessen

Katrjin van Hemessen · Autoritratto a vent’anni · 1548 · Öffentliche Kunstsammlung · Basel

Katrjin van Hemessen · Autoritratto a vent’anni · 1548 · Öffentliche Kunstsammlung · Basel

Non credo facile stabilire quando le donne si siano messe a dipingere: anche il caso, marginalissimo, di una monaca miniatrice è una pura ipotesi. Il Trecento fiorentino, se a qualcuno gli frullasse per il capo, la respingerebbe come suggestione diabolica. Magari carico di prole femminile, mai che un pittore pensasse a farsi macinare i colori da una figlioletta. Pensate: una Laudomia di Bicci, una Ginevra di Fredi? Vengono i brividi solo a pensarlo. E, per carità, nessun nome femminile fra i contemporanei di Pollaiolo, di Botticelli. L’avvento di Michelangelo cancellò del tutto la donna e altrettanto seguì coi suoi discepoli diretti o indiretti: basta pensare al Pontormo, al Rosso, caratteri lunatici, spauracchi delle pareti domestiche. Pure le femmine nascevano, i libri d’anime delle parrocchie le registravano. Vero che morivano facilmente, e così, del resto, i neonati maschi. Come le donne abbiano resistito a vivere fino alla maturità, se non erano madri o monache, è un mistero. Fu sulla metà del secolo sedicesimo che qualche cosa cambiò: certi padri cominciarono a vezzeggiare le loro bambinette, che, furbette, non tardarono a profittarne. Anna Banti · Quando anche le donne si misero a dipingere

.
post-shadow

This site is protected by wp-copyrightpro.com

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: