Storia dell'Autoritratto e del Selfie

Luca Signorelli

Luca Signorelli · Autoritratto · 1500-02 Da Predica e fatti dell’Anticristo · Cappella di San Brizio (Cappella Nuova) · Duomo di Orvieto

Luca Signorelli · Autoritratto · 1500-02
Da Predica e fatti dell’Anticristo  ·
Cappella di San Brizio (Cappella Nuova) · Duomo di Orvieto

Piero della Francesca ebbe due scolari: Melozzo e Signorelli, ciascuno dei quali, avendo cominciato sull’eredità di Piero, e ubbidendo alle esigenze del proprio temperamento e alla guida del proprio genio, raggiunse l’eccellenza in guisa sua propria e stupenda: Melozzo di temperamento più forte; Signorelli d’intelletto più sottile e profondo: il suo genio ebbe un volo più ampio, e la sua percezione dei valori, nell’arte e nella vita, fu più acuta. Nel sentire la poesia delle cose non fu inferiore ad alcuno. Ma sarò più preciso: ad un istinto dei valori tattili che poco cede a quello di Giotto, Signorelli aggiunge la forza d’azione di Masaccio o di Piero. Bernard Berenson · I pittori italiani del Rinascimento

.

Luca Signorelli · Predica e fatti dell’Anticristo · 1500-02 · Cappella di San Brizio (Cappella Nuova) · Duomo di Orvieto

Luca Signorelli · Predica e fatti dell’Anticristo · 1500-02 · Cappella di San Brizio (Cappella Nuova) · Duomo di Orvieto

Con Luca Signorelli s’inizia una lotta tra lo stile impersonale architettonico di Piero e lo stile di linea funzionale che egli riprende da Pollaiolo. Come combinarle? Voi lo vedete negli affreschi famosi del Duomo di Orvieto dove rappresentò la leggenda dell’Anticristo. Piero è quello che gli dà la capacità di riversare nei lunettoni quelle masse bronzee intrecciate fortemente di corpi umani che rintoccano sordamente il terreno coi loro garretti springanti, ma per dare organismo e vibrazione ed azione ad ogni corpo egli frammenta mille volte i pochi e larghi piani del maestro e fra i piani sbocciano improvvisamente le giunture d’acciaio, elastiche, dell’arte fiorentina. Il colore passa in seconda linea e ritorna perciò in campo il chiaroscuro. Anche qui adunque la tradizione di Piero rimane soffocata, pure producendo un connubio forzato con l’arte fiorentina un artista del valore appunto di Signorelli, che vorrei conosceste nel Pan di Berlino, oltre che negli affreschi di Orvieto. Roberto Longhi · Breve ma veridica storia della pittura italiana


Quegli affreschi con la predica dell’Anticristo

.
post-shadow_thumb[2]_thumb

This site is protected by wp-copyrightpro.com

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: