Storia dell'Autoritratto e del Selfie

Sofonisba Anguissola

Sofonisba Anguissola · Sofonisba Anguissola virgo se ipsam fecit · 1554 · Kunsthistorisches Museum · Wien

Sofonisba Anguissola · Sofonisba Anguissola virgo se ipsam fecit · 1554 · Kunsthistorisches Museum · Wien

Nella mattina in cui le nobili fanciulle Sofonisba ed Elena Anguissola lasciano il palazzo cremonese di via Tibaldi, poco oltre la metà degli anni Quaranta del Cinquecento, per trasferirsi in casa di Bernardino Campi e lì apprendere la pittura, il Rinascimento sta disperdendo le estreme energie protratte ben oltre il fatidico 1527 in cui avviene il Sacco di Roma e nell’arte italiana (che significa ancora arte europea) matura l’oscuro grumo di delusioni, fideismo, consapevolezze terrene, imposte umiltà e luciferini eroismi, che creeranno la pittura della Controriforma e poi del Seicento; un Seicento che trasferirà le intuizioni italiane nei raggiungimenti di un olandese, Rembrandt, e di uno spagnolo, Velasquez. Tiziano è appena tornato da Roma e si prepara al risolutivo confronto con la materia cromatica veneziana, che significa prima di tutto con la sua stessa storia artistica, e poi con gli incalzanti Veronese e Tintoretto. Michelangelo cancella, con gli affreschi della Cappella Paolina, gli ideali formali di cui, agli occhi dei contemporanei, è l’ultimo erede: ed è curioso come il suo immenso soffio sia destinato a sfiorare le inconsapevoli apprendiste pittrici di casa Anguissola. Flavio Caroli · Sofonisba Anguissola e le sue sorelle

.Sofonisba Anguissola · Autoritratto · 1552-53 · Uffizi · Firenze

Sofonisba Anguissola · Autoritratto · 1552-53 · Uffizi · Firenze


Sofonisba giramondo
.

post-shadow

This site is protected by wp-copyrightpro.com

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: